Disintossicazione da Crack

Un centro specifico e all’avanguardia è il centro Narconon Alfiere che da tanti anni risolve con successo casi in cui è necessaria la disintossicazione da crack.

La struttura inoltre, si occupa anche di riabilitazione da sostanze, mettendo a disposizione un programma completo che prevede la totale rieducazione dell’individuo per renderlo libero per sempre dal crack. Parliamo di una droga molto degradante che negli ultimi anni ha visto crescere a dismisura il suo consumo, per la facilità con cui può essere acquistato e per i costi notevolmente diminuiti.

Per avere informazioni più approfondite riguardo a questa droga e su cosa è necessario fare per aiutare un vostro caro a risolvere il problema, il numero verde 800 170 997 è sempre attivo, 24 ore su 24 sette giorni su sette, e l’operatore è sempre un professionista in grado di gestire subito la situazione dandovi tutte le informazioni al riguardo.

Il centro di disintossicazione da crack Narconon Alfiere adotta un programma naturale, breve e non ha mai liste di attesa. La struttura dispone di un team di professionisti qualificati che aiutano l’ospite, in ogni fase del programma, a superare tutte le difficoltà che possono presentarsi nella disintossicazione e riabilitazione. Il programma si divide sostanzialmente in tre fasi:

  • Astinenza
  • Disintossicazione
  • Riabilitazione
Sono tre passaggi ben distinti, ognuno dei quali è fondamentale per avere il miglior risultato possibili in termine di libertà totale e duratura, dall’uso di stupefacenti.
 

Nella fase di astinenza gli specialisti adottano particolari tecniche e procedure che aiutano la persona a superare i disagi fisici e mentali dovuti alla mancanza di crack. Visite mediche, analisi complete, vitamine e sali minerali completano il quadro iniziale dei primi giorni di permanenza.

L’ospite, in ogni caso, è assistito 24 ore su 24 per rendere agevole il più possibile i primi giorni in comunità, che normalmente sono i più difficili da superare.

Le procedure degli assistenti sono utilissime a distaccare la persona da ogni pensiero negativo dovuto all’astinenza e il supporto vitaminico, bilanciato e controllato con l’aggiunta di bevande a base di calcio e magnesio, aiuta moltissimo a ridare la giusta energia all’ospite, resa carente dall’utilizzo di crack.

Gli elementi base che compongono la disintossicazione sono: attività fisica sotto forma di corsa leggera o cyclette, sudorazione in sauna, vitamine, sali minerali, oli essenziali, alimentazione corretta e cicli regolari di riposo notturno.

Come l’astinenza, anche la disintossicazione è importantissima perchè i residui tossici delle droghe condizionano sempre la vita del tossicodipendente, fisicamente e mentalmente, per cui la loro eliminazione è parte di un programma completo volto alla totale riabilitazione.

Terminata la disintossicazione, l’ospite è libero per sempre da tutte le sostanze intrappolate nei tessuti adiposi del suo organismo e il suo desiderio di assumere droghe sparisce.

Questo rende molto più stabile la persona e pronta per la fase successiva del programma. La fase riabilitativa/formativa indirizza l’ospite alle ragioni per cui è caduto su droghe. Lo si fa con particolare tecniche e procedure che danno all’ospite tutti gli strumenti necessari e le giuste competenze di vita che le persone perdono con l’uso di stupefacenti.

L’effettiva pratica e l’apprendimento, portano alla stabilità e al ripristino dei valori personali. Cosa altrettanto importante, questi corsi aiutano a sviluppare l’autocontrollo e la determinazione necessaria a mantenere uno stile di vita etico, responsabile e con le virtù necessarie ad avere una vita libera per sempre dalla droga.

Il centro di disintossicazione crack Narconon Alfiere mette a disposizione un numero verde 800 170 997, attivo 24 ore su 24 sette giorni su sette, sul quale è possibile avere tutte le informazioni sulla struttura e sul programma.

E’ inoltre possibile chiedere aiuto all’operatore, nel caso il tossicodipendente non vuole essere aiutato, per organizzare un incontro a domicilio e convincerlo ad entrare immediatamente in comunità.